« Vai al sito CNGEI

CNGEI Scout - Branca Rover

Prepararsi a Servire

Lista Officine Rover 2018

Le Officine Rover sono un appuntamento atteso da tutti i Rover italiani.
Scopri la lista delle Officine Rover 2018:

CAMPANIA

1 – Scatta una Storia

Officina Rover Napoli Scatta una foto - Scout CNGEI

L’artista è un collezionista di immagini che raccoglie le cose con gli occhi. Il segreto della fotografia è che la macchina assume il carattere e la personalità di chi la tiene in mano. La mente lavora attraverso la macchina.
Walker Evans

24 ore in Compagnia, 12 foto da scattare, una storia da raccontare.

Quello che vi proponiamo è di raccontarci una storia attraverso 12 scatti, uno per ogni ora. Con una reflex o con uno smartphone, a colori o in bianco e nero, sarai tu il a svelare ciò che talvolta sfugge allo sguardo e che solo la fotografia può raccontare.

Sarai libero di muoverti liberamente nella nostra città, conoscerne i suoi segreti, assaggiare i nostri piatti, il tutto senza perdere d’occhio l’obiettivo.

Sei pronto a partecipare ?
Porta con te la tua macchina fotografica.

 


2 – Il rispetto vien mangiando

Officina Rover Pizza - Scout CNGEI

Verrò, ma deve essere una cena seria. Odio le persone che prendono i pasti alla leggera
Oscar Wilde

Tutti quanto mangiamo. Da sempre l’uomo ha avuto il bisogno di nutrirsi, ma c’è differenza tra il “NUTRIRSI” ed il “MANGIARE”. E se vi dicessi che in questa officina ci sarà la possibilità di mangiare tante cose buone, nuove ed interculturali?? E se inoltre vi dicessi che in questa officina ci sarà la possibilità di: mangiare sì tante cose buone, nuove ed interculturali, ma in compagnia?? E soprattutto se vi dicessi che tutto questo avviene in una città il cibo è patrimonio dell’UNESCO?

Lo so che già starete con l’acquolina in bocca; io ne ho tanta. Soprattutto nel pensare a tutti noi seduti ad un tavolo a mangiare e ad conoscerci.
Avrai la possibilità di far conoscere un piatto tipico della tua regione, provarne degli altri e sopra tutto sederti ad un tavolo per confrontarti con altri Rover ed esperti del settore.
Per cui non perder tempo ed iscriviti anche tu.


EMILIA ROMAGNA

 

3 – Par me, par te, Parkour!

Cos’è il parkour? Sarà uno sport? Sarà un modo per mettersi alla prova? Chiedetelo alle vecchiette che ci osserveranno compiere incredibili peripezie nelle streets di Bolo!
In quest’officina approfondiremo tutte le sfaccettature del concetto di sport popolare e accessibile a tutti, della riappropriazione degli spazi urbani e sociali e del superamento dei nostri limiti! Se la condizione umana è innanzitutto una condizione corporea, come afferma il filosofo Maurice Marleau-Ponty: “il corpo non è che l’unico mezzo per andare al cuore delle cose”. E per andare al cuore delle cose ci faremo aiutare anche da Leib (http://associazioneleib.org/), associazione bolognese che ci aiuterà a capire meglio la sempre più forte espansione di realtà ed esperienze di sport dal basso, auto-organizzato ed inclusivo, spesso identificate con l’espressione di “sport popolare”.

Vedremo come Bologna accoglie queste realtà e come qualunque comunità possa riappropriarsi dei propri corpi e dei propri spazi per far sì che tutto il mondo attorno a sé diventi una palestra sociale! Non ci fermeremo alla teoria, ma avremo anche modo di sperimentarci nella pratica del parkour, provando capire davvero cosa significhi superare i nostri limiti.
Chiedilo a B.P. che facciamo…vabbè parkouriamo!


4 – Quant’è fico Fico?!?

Bologna è una città che ha un legame inscindibile e sacro col cibo, ma quanto di questo connubio è vera tradizione e quanto è mero commercio? Proveremo a capire insieme perché è nata proprio in questa città la realtà di Fico Eataly World (www.eatalyworld.it), il parco alimentare più grande del mondo. Visiteremo insieme il parco di Fico, ma prima di farlo indagheremo accuratamente quali sono i suoi obiettivi e che concetto di cibo presenta.

Approfondiremo le tematiche di qualità e certificazioni, economia di relazione, filiera corta e garanzia partecipata, e per farlo chiederemo l’aiuto ai volontari di Campi Aperti (www.campiaperti.org), associazione che unisce molte aziende agricole biologiche del bolognese.

Non sapevate che dietro il cibo ci potesse stare tutto questo? Neanche noi! Ma non vediamo l’ora di buttarci in questa scorpacciata con voi!

 


5 – Caccia il rifiuto

“Questo non è un barattolo”…Ma quattro anni di rifiuti dell’americana Lauren Singer, che nel 2012 ha scelto di vivere una Zero Waste Life. Sembra impossibile…ma nel corso di questi due giorni vi accorgerete che non è così!
Scopriremo una serie di life hacks che scarteranno letteralmente la vostra vita dagli imballaggi di plastica e ridurranno i vostri rifiuti…ad un barattolo.
Ma non solo! Oltre a capire ciò che possiamo fare nel nostro piccolo apriremo lo sguardo a iniziative e progetti mondiali. Il tutto con lo sfondo della bellissima Bologna, e con un tesoro da trovare…


6 – Ero straniero

Smartphone costosi e di ultima generazione in tasca, 35 euro al giorno a testa e stanno anche in alberghi a 5 stelle. Perché mai dovremmo continuare ad accoglierli nel nostro Paese, rischiando anche che ci rubino il lavoro?

Ti sarà sicuramente capitato tante volte di sentire o leggere affermazioni simili sullo scottante e particolarmente attuale tema dei migranti, ma detto tra noi, ti sei mai soffermato a rifletterci un attimo? Sei mai stato curioso di scoprire quanta verità effettivamente contengano? Cosa accade sul serio a questi migranti giunti (volenti o meno) nella nostra amata penisola, nella nostra città? Per fortuna (per te) ci abbiamo pensato noi! Insieme avremo l’opportunità di andare oltre la superficialità della quotidianità, per conoscere una realtà più vicina di quando non sembri. Avremo l’opportunità di sentire le testimonianze dirette di chi tutti i giorni lavora nel campo dell’integrazione nei nostri territori, pronti a sciogliere ogni nostro dubbio per permetterci di toccare con mano questa realtà.

In quest’officina troverai cibi esotici in grado di trasportarci in un’altra dimensione, racconti di lunghi viaggi della speranza, momenti di condivisione e di confronto diretti che ti permetteranno di compiere la prima, ma fondamentale scelta dell’informazione. Questi saranno solo alcuni degli ingredienti che ci permetteranno di intraprendere un cammino che pur partendo da molto lontano, finirà per incrociare il nostro.


7 – ​Stop​ ​the​ ​Violence:​ ​sexist​ ​hate​ ​speech

Quando​ ​un​ ​uomo​ ​esprime​ ​una​ ​opinione​ ​è​ ​un​ ​uomo,​ ​quando​ ​lo​ ​fa​ ​una​ ​donna​ ​è una​ ​puttana.​
Bette​ ​Davis

Viviamo​ ​in​ ​un​ ​mondo​ ​che​ ​lotta​ ​per​ ​i​ ​diritti,​ ​affinché​ ​tutt@​ ​siano​ ​considerati​ ​uguali​ ​e con​ ​le​ ​stesse​ ​opportunità.
È​ ​veramente​ ​così​?
Oggi,​ ​nella​ ​nostra​ ​società​ ​veloce,​ ​tecnologica,​ ​prepotente,​ ​dove​ ​l’abuso​ ​della​ ​rete rinforza​ ​il​ ​senso​ ​di​ ​onnipotenza​ ​e​ ​il​ ​bisogno​ ​di​ ​essere​ ​riconosciut@​ ​a​ ​qualsiasi​ ​costo, siamo​ ​sicur@​ ​di​ ​agire​ ​sempre​ ​nel​ ​rispetto​ ​delle​ ​altre​ ​persone,​ ​nel​ ​rispetto​ ​delle donne?

Quante​ ​volte​ ​ci​ ​è​ ​capitato​ ​di​ ​sentire​ ​la​ ​frase​ ​”ma​ ​era​ ​solo​ ​una​ ​battuta,​ ​uno​ ​scherzo”​ ​e poi​ ​la​ ​persona​ ​colpita​ ​-​ ​che​ ​tante,​ ​troppe​ ​volte​ ​è​ ​una​ ​ragazza​ ​o​ ​una​ ​donna-​ ​ne​ ​soffre​ ​al punto​ ​di​ ​pensare​ ​addirittura​ ​al​ ​peggio?
Perchè​ ​allora​ ​non​ ​proviamo​ ​a​ ​invertire​ ​la​ ​rotta??​ ​Perchè​ ​non​ ​siamo​ ​noi​ ​a​ ​fare tendenza​ ​cercando​ ​di​ ​eliminare​ ​i​ ​”Sexist​ ​Hate​ ​Speech”​ ​??

Noi​ ​di​ ​voglia​ ​ne​ ​abbiamo..​ ​e​ ​tu??
Se​ ​vuoi​ ​far​ ​parte​ ​del​ ​cambiamento,​ ​vieni​ ​alla​ ​nostra​ ​Officina..​ ​più​ ​saremo,​ ​più strumenti​ ​avremo​ ​per​ ​fermare​ ​il​ ​fenomeno​ ​della​ ​violenza​ ​di​ ​genere…​ ​anche​ ​sul​ ​Web!


8 – Il Climbing to the Top

Non misurare mai l’altezza di un monte prima d’aver raggiunto la cima. Allora vedrai quanto era basso
Dag Hammarskjöld

Arrampicare significa superare la fatica, il caldo, il freddo.. Significa saper accettare la sfida con se stessi, calmare la mente, ascoltare il proprio respiro e raccogliere le proprie forze.
Quando ti ritrovi abbracciato alla fredda roccia l’unica risorsa a disposizione sei tu. Quella parete ti insegna a prendere consapevolezza dei tuoi limiti e a riconoscere quelli che la natura ti impone.

Se saprai trovare il giusto equilibrio non sarà difficile raggiungere la vetta e in quell’attimo l’adrenalina scorrerà fino alla punta delle dita.
La nostra officina affronterà il tema: i limiti e la natura. Sabato pomeriggio ci interrogheremo su come riuscire ad ascoltare il nostro corpo e su come reagire a una sfida quando siamo immersi nella natura, senza sottovalutarsi ne sopravvalutarsi. Domenica andremo ad arrampicare insieme alla Pietra di Bismantova (RE) dove potremo finalmente metterci alla prova.

N.B. La nostra officina è sconsigliata a chi soffre di vertigini e a chi potrebbe avere difficoltà con questo sport. Invece è consigliata per chi magari ha già arrampicato (anche solo una volta) dato che sarà possibile confrontarsi con vari livelli di difficoltà.


LAZIO

9 – D-Gei

Buonanotte. Quì è Radio Raptus, e io sono Benassi, Ivan. Forse lì c’è qualcuno che non dorme. Beh, comunque che ci siete oppure no io c’ho una cosa da dire.
Radiofreccia, film 1998

Una cuffia, un microfono, cavi, …grovigli di cavi, il rosso il bianco ed il nero, e poi c’è lui il mixer…così tanti tasti, così tante luci. Una resistenza, un condensatore…un cacciavite, un saldatore…un buon disco, ma non bisogna scordare le parole, le parole da buttare dentro quel microfono, le parole che hai dentro, le parole che non hai mai detto le parole che non smetti dire…le puoi sussurrare ad occhi chiusi oppure strillare mentre gira un disco, sicuro che qualcuno dall’altra parte le ascolterà…uno, nessuno, centomila.. So’ che di officine sulle radio ce ne sono e ce ne saranno, il nostro taglio è quello che unisce la fredda scienza al caldo delle parole.

Vi proponiamo una costruzione insieme a noi di una piccola stazione radio, in modo da mettervi in condizione di poterla riproporle nelle vostre compagnie…

Vi proponiamo un piccolo corso su come di utilizzano le ricetrasmittenti, in modo da essere preparati in caso ne dobbiate far uso…

Vi proponiamo un assaggio di fonica, il mixer ed i suoi segreti…come far suonare un disco…creare un’atmosfera far scorrere le emozioni e far impazzire le folle… “sà .. sà … sa prova!”

Vi proponiamo un tu per tu con un microfono…raccontando storie, sussurrando racconti, …1,2,3 ON AIR

Vi proponiamo una attività con il foulard al collo.


10 – Oltre Confine

Viaggiare è camminare verso l’orizzonte, incontrare l’altro, conoscere, scoprire e tornare più ricchi di quando si era iniziato il cammino.
Luis Sepúlveda

L’incontro è parte di un viaggio che vorremmo fare insieme a voi, e su questo pezzetto di strada ci accompagneranno tante persone diverse. In questi due giorni saremo in diretto contatto con un centro di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati a Velletri, incontreremo ospiti, operatori, volontari che ci faranno vivere l’esperienza dell’accoglienza, percorreremo gli stessi passi insieme a persone nuove e avremo tutto il tempo di fare tutte le domande che vogliamo per arricchire le nostre conoscenze.

Impareremo ad assaggiare la varietà per abituarsi ad apprezzarla. Scopriremo insieme come noi scout possiamo fare la differenza!


LOMBARDIA

11 – Born this way – sono nat@ così

Sono
Donna
Uomo
Androgino
Macho
Maschio
Femmina
Intersessuale
In​ ​transizione
Eterosessuale
Gay
Lesbica
Pansessuale
Asessuale
Bisessuale
Un​ ​essere​ ​umano

Identità​ ​di​ ​genere,​ ​espressione​ ​di​ ​genere,​ ​sesso​ ​biologico,​ ​attrazione​ ​fisica…​ ​quanta confusione?

Se​ ​ti​ ​sei​ ​pers@​ ​il​ ​significato​ ​di​ ​almeno​ ​quattro​ ​parole…​ ​allora​ ​questa​ ​officina​ ​fa​ ​per​ ​te! Andremo​ ​a​ ​conoscere​ ​ed​ ​esplorare​ ​realtà​ ​apparentemente​ ​diverse​ ​dalla​ ​nostra​ ​ma che​ ​in​ ​realtà​ ​ci​ ​appartengono,​ ​cercheremo​ ​di​ ​capire​ ​perché​ ​c’è​ ​tanta​ ​confusione​ ​e tanti​ ​pregiudizi​ ​attorno​ ​al​ ​tema,​ ​cos’è​ ​il​ ​coming​ ​out,​ ​come​ ​ci​ ​si​ ​sente​ ​a​ ​essere considerati​ ​diversi.

L’officina​ ​è​ ​organizzata​ ​dal​ ​Settore​ ​Internazionale​ ​in​ ​collaborazione​ ​con​ ​una​ ​ronda d’interesse​ ​di​ ​rover​ ​delle​ ​4​ ​compagnie​ ​di​ ​Bergamo.

 


12 – I segreti delle mura

Purtroppo sono più numerosi gli uomini che costruiscono muri di quelli che costruiscono ponti

Un muro implica segreti, lascia molte cose fuori e ne porta molte al suo interno, protegge …. Divide ….. Fortifica e così surroga le parole e ne compensa il vuoto!

Così l’uomo crea muri per proteggere ciò a cui tiene, anche se stesso; preserviamo ciò che siamo o pure lo cogliamo come una grande sfida! Ma un muro è anche simbolo di separazione che, a volte, non ci fa guardare o capire l’altro…

Abbi così il coraggio di sbirciare togliendo una pietra alla volta, scopri qualcosa di nuovo di te stesso e abbatti con sguardo di sfida i tuoi muri interiori andando alla scoperta della storia delle mura della magica e misteriosa Città Alta di Bergamo! Con un gruppo speleologico ti accompagneremo in un viaggio tra sotterranei e viste mozzafiato, per poter riflettere , ricordando ciò chequesti “scudi“ di pietra hanno portato nella nostra società passata , presente e che porteranno in quella futura! Affronteremo i “muri” che la società ci impone e ascolteremo la storia di chi, nella quotidianità, cerca di abbattere queste barriere!!

 


13 – La vetta

La montagna mi ha insegnato a non barare, a essere onesto con me stesso e con quello che facevo
Walter Bonatti

Pensi anche tu che l’essere umano che vive in città, mangi senza fame, beva senza sete, si stanchi senza che il corpo fatichi, rincorra il proprio tempo senza raggiungerlo mai? 

Sappi che in cima ad ogni vetta si è sull’orlo di un abisso e che la realtà è il cinque per cento della vita, pertanto l’uomo deve sognare!!!E da sempre l’uomo ha sognato di raggiungere mete quasi impossibili come le stelle…. E non ce la farà mai, perche’ le montagne sono le uniche stelle che possiamo raggiungere a piedi,con il nostro sudore e impegno. Nei grandi spazi della montagna, nei suoi alti silenzi, l’uomo non distratto può cogliere il senso della sua piccolezza e la dimensione infinita della sua anima. E’ solo sulle cime più alte ci si rende conto che la neve, il cielo e l’oro hanno lo stesso valore. E poi chi ha mai detto che la vetta è solo un punto di arrivo?

Alcuni esseri umani a volte hanno bisogno di riprendersi le proprie vite, di capire come vivere la natura e “usarla” con rispetto . Non tutti ci provano, in pochi ci riescono.

E tu?

Vieni con noi, cambia i tuoi schemi, vivi per due giorni una vita completamente diversa.. Perché quando uomini e montagne si incontrano….Grandi cose accadono! E’ il tuo momento,mettiti in gioco e lanciati verso questa fantastica avventura che condividerai con tanti altri compagni di viaggio. Sarà un hike intenso,duro,avvincente che ci porterà fino alla vetta di un monte e se il tempo lo permetterà potremmo gustarci uno splendido panorama. Quindi se vorrai partecipare armati di determinazione e parti con il giusto equipaggiamento….ti aspettiamo!!

 


14 – Appesi a un filo

Tutte le volte che comincio ad arrampicare avviene in me una trasformazione. Quando le mie mani poggiano sulla roccia, sparisce ogni stanchezza e ogni malavoglia. Una forza sconosciuta entra nel mio sangue, e più mi arrampico, più forte mi sento, e sempre più facili mi sembrano i passaggi.
Emilio Comici

Cercheremo di confrontarci con noi stessi nella natura in una vera e propria scalata verso i nostri limiti e le nostre emozioni. Tutto ciò viene sprigionato dal nostro corpo grazie al mondo che ci circonda, grazie alla natura che sempre ci permette di metterci a confronto con noi stessi. Arrampichiamo verso i nostri limiti e impegnamoci a superarli tramite la consapevolezza delle nostre sensazioni.
L’attività grossa di questa officina sarà l’arrampicata. Affronteremo percorsi facili e alla portata di, quasi, tutti. Il primo giorno avremo modo di imparare ad arrampicare indoor ma chiediamo a chi ha seri problemi con l’altezza di astenersi dal partecipare e allo stesso modo chi ha già buone capacità di arrampicata potrebbe trovare “noioso” o “facile” quello che andremo a fare, quindi rischierebbe di non trovare quello che si aspettava.

Vi aspettiamo numerosi e con uno sguardo fisso e pronto verso l’alto!!

 


15 – Volare verso il futuro

Fu un volo di 12 secondi, incerto, ondeggiante e traballante… ma fu finalmente un vero volo e non una semplice
planata
Orville Wright, riferendosi al suo primo volo del 17 dicembre 1903

Le nuove tecnologie stanno conquistando spazi sempre più grandi nelle nostra società e nelle nostre vite… Eppure… siamo sicuri di conoscerle davvero? Siamo sicuri di conoscerne tutte le potenzialità?
Se la vostra risposta è “no” o “forse” allora quest’Officina Rover fa per voi!
Insieme impareremo a costruire e soprattutto a pilotare un APR (aeromobili a pilotaggio remoto, comunemente detti droni), consapevoli delle regole della navigazione aerea che devono essere rispettate. Ma non ci accontentiamo! Perché, come ogni tecnologia, queste non sono un fine ma un mezzo per rendere il mondo un posto migliore. E allora impareremo ad utilizzare le immagine aerofotogrammetriche per il monitoraggio del territorio e per l’individuazione di fenomeni di degrado ambientale e abbandono di rifiuti (littering).
Impareremo, infine, a segnalare alle autorità competenti le situazioni di degrado ambientale che abbiamo documentato naturalmente learning-by-doing, i droni si costruiscono e si pilotano davvero!
Alcuni esperti ci affiancheranno per aiutarci in questo percorso. Curiosi, appassionati di tecnologia, fotografi e film maker vi aspettiamo. Portate il vostro smartphone, ci servirà.
Ragazzi, qui siamo al top! In senso letterale, si intende!


16 – A.D.I. (Ambiental Disaster Investigation)

Benvenuti nella fantastica cornice mantovana!!
Caspita non riesco a vedervi.. Cos’è questa nebbia?? Quell’uomo sapeva troppo…

Preparatevi ad investigare con cura minuziosa e seguendo ogni indizio in questo groviglio di bugie ed omertà, svolgendo indagini accurate e ricreando tutti i possibili scenari.
Questi due giorni, oltre che dalle indagini, saranno caratterizzati da momenti di confronto su quanto siam consci rispetto a ciò che respiriamo o mangiamo (con un esperto nel settore di orti sociali e bio cultura) e come possiamo attivamente incidere nella realtà che ogni giorno viviamo.


17 – Oltre i confini del mondo, dentro i confini della periferia

A Quarto Oggiaro dobbiamo andarci tutti. Ma non oggi o fra una settimana a fare i turisti dell’orrore. Dobbiamo andarci, numerosi, il mese prossimo e quello dopo ancora. Non per l’ennesimo albero criminale che crolla, ma per la foresta di legalità che cresce. Rigogliosa.
G. Biondillo.

Quarto Oggiaro, un quartiere chiuso tra ferrovie e ponti alla periferia Nord di Milano. Un quartiere di lontano, un quartiere stereotipo di degrado, di criminalità. Da alcuni anni in questa periferia esiste una associazione che cerca di dare un’alternativa ai giovani del quartiere, una alternativa fatta di arte, musica, socialità, ma anche gioco e fantasia!

Ma che gioco? Mica uno per bambini!
Un gioco fatto di interpretazione, fantasia, coraggio, collaborazione, totale libertà!
Siete pronti a diventare protagonisti?
Be Hungry, Be Holder!

Ti accettiamo lo stesso, anche se non hai mai giocato o sei ossesso dalla materia. Entrerai in possesso di un nuovo potente strumento da usare nella tua Compagnia e non solo!


18 – ON AIR!

Hai mai sognato di poter dare libero sfogo ai tuoi pensieri? Hai mai pensato di trovare uno spazio in cui poter raccontare liberamente al mondo delle tue passioni? Hai mai cercato delle fonti di informazione valide? Quanto pensi di conoscere la realtà dei mezzi di comunicazione di massa e come ritieni di usarli?
In questa officina parleremo di come informarsi e, attraverso il confronto, capiremo quali strumenti usare per cercare nuove informazioni.
Parleremo di radio e di come questo sia uno strumento potente per parlare e, allo stesso tempo, ricevere informazioni dalla nostra società. Per fare ciò avremmo a disposizione vari ospiti che ci parleranno della loro esperienza in radio e di come si è evoluta la loro passione.

Avremmo anche la possibilità di sperimentarci nella costruzione e realizzazione di un programma radiofonico!
Cosa aspetti? Vieni a lanciarti in questa RADIOsa esperienza..
TURN ON THE RADIO!


19 – Piove: governo ladro?

Quante volte sentiamo i soliti luoghi comuni sulla politica e sui politici, a cui vengono riconosciute sempre più colpe e sempre meno meriti? Ma che cosa ne sappiamo davvero della politica e di chi la fa?
Parlare di politica e della politica non è facile, quindi spesso per pigrizia o disinteresse- si preferisce evitare l’argomento.
Noi invece lo affronteremo molto da vicino, confrontandoci con chi la politica la conosce e la fa, ragionando con loro su cosa sia veramente questa politica, come influenza le nostre vite e quali siano i modi di farne attivamente. Insieme a persone appartenenti all’ambiente, provenienti da
diverse realtà e di diverso orientamento, ragioneremo su questo tema, provando anche a “metterci nei loro panni”.

In quest’officina impareremo a confrontarci con qualcosa che ci tocca molto da vicino, anche se a volte non ce ne accorgiamo e di cui la nostra società non può fare a meno.
Siete pronti a diventare protagonisti del vostro futuro? Vi aspettiamo numerosi ed entusiasti!


20 – Ma che cos’è poi la normalità?

chi decide chi è normale? la normalità è un’invenzione di chi è privo di fantasia
Alda Merini

Un’officina per scoprire insieme che le normalità sono tante!
Vi invitiamo a partecipare ad attività focalizzate sul tema della disabilità: ceneremo insieme a ragazzi con disabilità delle associazioni Handicap…su la testa! e Azione Solidale, conosceremo mille e uno modi di fare servizio su questo tema, scopriremo Milano e ci rilasseremo in un bar speciale appena aperto!
Ci aspetta un weekend di risate e divertimento, dove l’unica cosa che bisogna fare è essere sé stessi!


21 – L’antica arte del farle …. Girare!

Nell’antico e magico borgo di Comunuovum vivono ancora antichi saggi ed esperti della arti circensi.
L’antica arte della giocoleria con cui hanno divertito ed intrattenuto per generazioni è ora a vostra disposizione. L’arte di farle… girare vi darà la possibilità di sperimentare a 360 ° tutti i trucchi della giocoleria e dell’acrobatica spingendovi oltre i limiti della vostra immaginazione e delle vostre abilità portando la vostra destrezza nel manipolare diversi oggetti e il vostro corpo ad un livello che mai avreste potuto immaginare!!
Ma non solo…. Oltre a migliorare le vostre abilità fisiche potrete migliorare anche il vostro servizio e noi vi daremo tutte le indicazioni per intraprendere questa nuova strada!
Ma tutto dipende dai voi… dal vostro impegno e costanza…. la sfida è tratta!!


PIEMONTE

22 – right TO the cinema

Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere le stanze segrete dell’anima.
Ingmar Bergman

Il cinema per conoscere e approfondire.
La città per coinvolgere e affascinare.
Un confronto tra i diritti che ci sono, quelli che sono negati e quelli inseguiti..attraverso la macchina da presa e gli scorci di Torino.


23 – ImprovvisaTO

Ma il mio equilibrio è in cielo come i sogni dei poeti, mai potrei viver come voi che avete sempre la certezza della terra sotto i piedi.
I Ratti dell Sabina – il funambolo

Se a volte vi sentite un po’ funamboli o al contrario temete di cadere nell’incertezza del futuro, questa è l’officina che fa per voi.
Grazie alle tecniche dell’improvvisazione teatrale impareremo, con esperti del settore, a rimanere in equilibrio nelle situazioni difficili o a cadere ridendo.
Ma non solo! Quanto è importante l’ESPRESSIVITÀ nel mondo che ci circonda? Come la RECITAZIONE si inserisce nel tessuto sociale? Come il TEATRO diventa strumento di libertà dei popoli, per i popoli, e quindi anche per noi stessi?
Torino e i suoi misteri vi aspetta quindi bùgia (sbrigatevi)!!!


PUGLIA & BASILICATA

24 – InterculturalMENTE!

Non c’è solo il mare dopo il mare, ma c’è una terra nuova che ti accoglierà, c’è una nuova gente: ci sono uomini che, come te, mangiano pane. Parlano altre lingue, e cantano canzoni di parole impronunciabili, testi che pure incomprensibili avrei scritto anch’io, perché voglio dire le stesse cose, e perché abbiamo piedi per ballare gli stessi passi… mentre danzo non c’è mare a separare il globo… non ci sono frontiere nel sapore. Cento bandiere al cielo… siamo uguali.
Oceano Mare – Alessandro Baricco

Non siamo da soli nel mondo, anzi siamo talmente tanti che non riusciamo nemmeno a percepire quanti.
Non siamo simili, anzi, tutti infinitamente diversi l’uno dall’altro.
Per comprendere queste due certezze è necessario uno sforzo che nella maggior parte di noi viene ignorato, trasformandosi in paura, indifferenza e odio del diverso.
Solo e solamente SAPENDO, conoscendo chi è vicino a noi o a milioni di kilometri, possiamo veramente imparare ad apprezzare l’ “altro”, a migliorare noi stessi, e magari sentirci tutti un po’ più vicini.

L’obiettivo dell’Officina è quello di conoscere altre realtà e altre culture, provando ad abbattere le barriere che ci separano attraverso linguaggi che non hanno frontiere: la danza, il cibo, l’arte e il gioco. Con l’aiuto degli Ospiti dell’Officina, scopriremo tradizioni di mondi e culture lontane, con l’unico obiettivo di divertirci e sognare un mondo migliore, in cui, aldilà di ogni differenza, riusciamo ancora a vederci come UOMINI. VENITE IN TANTI!!!


25 – Al lume del castello

Hai mai mangiato un buon piatto di orecchiette a lume di castello?
Hai mai sognato di vivere nel pieno dell’epica federiciana?
Hai giammai pedalato tra rovi pungenti e rocce taglienti?
Or bene, se tutto questo ti ha acceso il cuore, vieni a testare il tuo coraggio di cavaliere nelle lande delle Murge in compagnia della Orione di Molfetta. Ci sarà tempo per assaporare i piatti tipici della nostra cultura mediterranea e interrogarci sulle storiche criticità del nostro territorio… Ai piedi del Castel del Monte, di notte e di giorno, un po’ camminando e un po’ pedalando, scopriremo la Murgia, la Puglia e la sua storia.


SICILIA

26 – Guerrilla gardening….e non solo

“basta aspettare, bisogna sporcarsi le mani, bisogna sporcarsi le mani” continuava a ripetere il piccolo uomo guardando verso quella macchia di colore disordinata al centro della città. “ma questa volta dobbiamo lasciare una traccia, un segno del nostro passaggio” gli rispose il vecchio dalla barba lunga che gli stava accanto.

Oggi siamo abituati ad attraversare le strade tenendo gli occhi bassi sul telefonino, intanto intorno a noi la città si espande, e più si espande più i colori si uniformano rendendo tutto sempre più triste. Per fortuna esistono ancora i guerriglieri del verde, del “bello”, del “mettiamo due occhi sorridenti su quel cestino della spazzatura triste”. Siamo alla ricerca di uomini e donne che non hanno paura di sporcarsi le mani, di impegnarsi per lasciare il mondo migliore di come lo abbiamo trovato, di muoversi furtivamente nel grigio per poi scappare dopo aver gettato il colore. Abbiamo bisogno di pittori, artisti, falegnami, fotografi, giardinieri e chi più ne ha più ne metta….non perdere l’occasione di far parte di questo commandos di sognatori…


27 – Terraferma

Addio, fratelli, addio, turba dolente!
Vi sia pietoso il cielo e il mar clemente, v’allieti il sol il misero viaggio; addio povera gente, datevi pace e fatevi coraggio.
Stringetevi il nodo dei fraterni affetti, riparate dal freddo i fanciulletti, dividetevi i cenci, i soldi, il pane, l’imperversar delle sciagure umane.

Così scriveva Edmondo De Amicis dei nostri connazionali che partivano per l’America in cerca
di fortuna.
Oggi 2016 L’Italia è diventata l’America per le popolazioni dell’Africa del nord. Cosa spinge tutta questa gente a fare chilometri in condizioni disumane? Cosa li induce a rischiare la vita propria e dei propri figli? Scopriamolo insieme ascoltando i racconti di vita di alcuni di loro sopravvissuti alle intemperie del mare e ad un viaggio che sembra non finire mai.
Officina consigliata ai rover del 2 e 3 anno.


28 – RADIO AUT

La mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua
evoluzione e avrà quindi anche una fine.
Giovanni Falcone
Se la gioventù le negherà il consenso, anche l’onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un
incubo.
Paolo Borsellino

É una notte buia per lo Stato Italiano, quella del 9 maggio 78, la notte di via Caetani, del corpo di Aldo Moro, l’alba dei funerali di uno Stato, su un’isola di sangue che fra tante meraviglie fra limoni e fra conchiglie… massacra figli e figlie di una generazione costretta a non guardare, a parlare bassa voce, a spegnere la luce, a commentare in pace ogni pallottola nell’aria, ogni cadavere in un fosso… loro lo sanno quanto male fanno, loro lo sanno quanto è solo un uomo e sanno bene quanta paura c’è dentro ad ogni cuore…


VENETO

29 – Dal campo al piatto

 

Vieni a scoprire alcune realtà agricole nelle coline venete. Immergiti nella vita di fattoria tra animali e campi, conosci da dove viene il cibo che tu stesso preparerai e poi mangerai.


30 – A che ora chiude Venezia?

Ponte di Rialto, Turisti, Palazzo Ducale, Negozi di maschere, Turisti, Ponte dei sospiri, Cinesi, Crociere, Piazza S. Marco, Turisti, Negozi di torte e dolci vari, Basilica di S. Marco con campanile, Arsenale, Turisti, Statue di leoni, Veneziani da trovare come aghi in un pagliaio… E ovviamente TURISTI! Venezia è una città amata e animata da tutto il mondo, classica meta turistica di tutti, 1 veneziano ogni 10 turisti … Ma cosa la rende così speciale?? Assieme indagheremo il turismo di massa scoprendone ed analizzandone i suoi limiti e paradossi in una delle città turistiche per eccellenza. Vedremo assieme come Venezia subisca il costante stillicidio del turismo ma al contempo riesca a rimanere in vita grazie ad esso.

Scopriremo inoltre vecchi racconti, miti e leggende tramandati di generazione in generazione, che rendono Venezia una città inguaribilmente romantica ma soprattutto circondata dal mistero.
Visiteremo “corti nascoste e arcane” le cui “peculiarità” non sono descritte nelle classiche guide turistiche.

Cammineremo lungo la Venezia dimenticata, ormai solcata lungo percorsi standardizzati e stereotipati, che non portano ad una conoscenza e passione per le sue antichissime mura, i suoi monumenti e tutto quello che dietro vi si cela.
Una conoscenza di una città nascosta, seppellita sotto pile di cartoline, immagini vuote, foto usa e getta, suole di scarpe e sandali e molta acqua alta.
Una conoscenza di come muovere i propri passi nel mondo, imparando ad essere turisti più responsabili!
Una città da scoprire assieme e da portare con se per sempre… (Officina per Rover di tutte le età…)